Blog

consigli di lettura

(Ri)letture estive: Fahrenheit 451

“Non voleva sapere, per esempio, come una cosa fosse fatta, ma perché la si facesse. Cosa che può essere imbarazzante. Ci si domanda il perché di tante cose, ma guai a continuare: si rischia di condannarsi all’infelicità permanente.”

Romanzo di Ray Bradbury, del 1953. Bradbury immagina un futuro distopico, in cui è proibito leggere libri, i cittadini vengono bombardati giorno e notte da messaggi insignificanti, per lo più pubblicitari, proiettati su mega schermi posti ovunque, dalle pareti di casa ai mezzi di trasporto. In questa società, i vigili del fuoco non spengono incendi, ma li accendono, svolgendo diligentemente il compito di incenerire ogni pezzo di carta stampata rimasto e se necessario le case e i cittadini che li proteggono.

Fahrenheit 451

Tra i tanti temi trattati quello dell’impoverimento del linguaggio, che si traduce inevitabilmente in impoverimento del pensiero e della curiosità. In una società in cui la gente, abituatasi a bere tutto quello che le viene propinato o, meglio, proiettato su schermi, non si chiede più il perché delle cose – non avendo più gli strumenti concettuali per farlo –, la capacità di porsi domande, prima ancora che darsi risposte, è l’ultimo baluardo della libertà di pensiero. Non è un caso che a risvegliare il protagonista dal suo sonno apatico sia una giovane ragazza fuori dalla norma (“Io ho diciassette anni e sono pazza. Mio zio dice che le due cose vanno sempre insieme”), piena di domande e di meraviglia aristotelica. Una metafora della filosofia, che pungola, scomoda e insospettisce anime impoltrite.

Ulteriori buoni motivi per leggere (o rileggere) Fahrenheit 451 li trovate qui: Why should you read Fahrenheit 451 di TEDEd.

Ted, Whay should you read Fahrenheit

Buona lettura!

consigli di lettura

Elvio Fassone Fine pena: ora

“Una corrispondenza durata ventisei anni tra un ergastolano e il suo giudice. Non è un romanzo di invenzione, né un saggio sulle carceri, non enuncia teorie, ma si chiede come conciliare la domanda di sicurezza sociale e la detenzione a vita con il dettato costituzionale del valore riabilitativo della pena, senza dimenticare l’attenzione al percorso umano di qualsiasi condannato. Una storia vera, un’opera che scuote e commuove.

 

fine pena ora

Una corrispondenza durata ventisei anni tra un ergastolano e il suo giudice. Nemmeno tra due amanti, ammette l’autore, è pensabile uno scambio di lettere così lungo. Questo non è un romanzo di invenzione, ma una storia vera. Nel 1985 a Torino si celebra un maxi processo alla mafia catanese; il processo dura quasi due anni, tra i condannati all’ergastolo Salvatore, uno dei capi a dispetto della sua giovane età, con il quale il presidente della Corte d’Assise ha stabilito un rapporto di reciproco rispetto e quasi – la parola non sembri inappropriata – di fiducia. Il giorno dopo la sentenza il giudice gli scrive d’impulso e gli manda un libro. Ripensa a quei due anni, risente la voce di Salvatore che gli ricorda: «se suo figlio nasceva dove sono nato io, adesso era lui nella gabbia». Non è pentimento per la condanna inflitta, né solidarietà, ma un gesto di umanità per non abbandonare un uomo che dovrà passare in carcere il resto della sua vita. La legge è stata applicata, ma questo non impedisce al giudice di interrogarsi sul senso della pena. E non astrattamente, ma nel colloquio continuo con un condannato. Ventisei anni trascorsi da Salvatore tra la voglia di emanciparsi attraverso lo studio, i corsi, il lavoro in carcere e momenti di sconforto, soprattutto quando le nuove norme rendono il carcere durissimo con il regime del 41 bis.

La corrispondenza continua, con cadenza regolare – caro presidente, caro Salvatore. Il giudice nel frattempo è stato eletto al CSM, è diventato senatore, è andato in pensione, ma non ha mai cessato di interrogarsi sul problema del carcere e della pena. Anche Salvatore è diventato un’altra persona, da una casa circondariale all’altra lo sconforto si fa disperazione fino a un tentativo di suicidio.
Questo libro non è un saggio sulle carceri, non enuncia teorie, è un’opera che scuote e commuove, che chiede come conciliare la domanda di sicurezza sociale e la detenzione a vita con il dettato costituzionale del valore riabilitativo della pena, senza dimenticare l’attenzione al percorso umano di qualsiasi condannato”.

 

Premio Saturnio 2017
(Dalla pagina dell’editore)
filosofia pubblica

Lavori forzati! Buttate via la chiave! Teorie della pena e luoghi comuni 2/2

Buttate via la chiave! 

Nel post precedente di questo thread sulla teoria della pena e luoghi comuni abbiamo preso le mosse dal grido “Ai lavori forzati!” per affrontare la questione del lavoro in carcere. Ora analizziamo un altro mantra del linguaggio giustizialista: “Buttate via la chiave!”.

Anche questa formula sottende una chiara concezione della pena come afflizione, come severa punizione del reo per quello che ha commesso. Il carcere a vita viene principalmente inteso come strumento per “restituire” al criminale il danno che ha arrecato alla società. Abbiamo visto nel post precedente gli aspetti problematici di questa concezione retributiva della pena, qui ci soffermeremo sulle criticità poste dall’istituto dell’ergastolo in quanto tale.

L’ergastolo è in contraddizione con la nostra Costituzione?

L’ergastolo è previsto dall’ordinamento giuridico italiano sin dalla fine dell’Ottocento, era presente prima nella forma dei lavori forzati a vita, ma dal 1889 (ad eccezione del ventennio fascista) è la pena più grave, in sostituzione della pena capitale allora abolita.

Con l’entrata in vigore della Costituzione della Repubblica italiana l’ergastolo diviene un istituto problematico, per il suo significato, le sue finalità e la sua funzione sociale. Ci si chiede, anzitutto, come sia possibile legittimare la detenzione a vita se la Costituzione stabilisce che la pena debba essere intesa come processo rieducativo del reo volto al suo reinserimento in società (art. 27)? È il carattere di perpetuità a contraddire la funzione rieducativa della pena prevista dalla nostra Carta.

Proprio per superare questa contraddizione e togliere il carattere di perpetuità della pena, il legislatore nel corso degli anni ha previsto tutta una serie di benefici per gli ergastolani, dai permessi premio, al lavoro all’esterno del carcere, sino alla liberazione condizionale. Resta tuttavia una particolare forma di ergastolo, quello ostativo, prevista per i reati più gravi, per il quale non sono messi benefici. Per questa tipologia di ergastolo permangono dubbi di costituzionalità.

ergastolo

Carcere a vita e diritti umani

Oltre a contraddire il principio rieducativo della pena, il carcere a vita rappresenta una forma di detenzione particolarmente lesiva dell’essere umano. Cesare Beccaria lo descriveva come «pena di schiavitù perpetua più dolorosa e crudele della pena di morte in quanto non concentrata in un momento ma estesa per tutta la vita». Lo stesso tragico pensiero è espresso in una lettera che 310 ergastolani mandarono nel 2007 all’allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano:

«Signor presidente della Repubblica, siamo stanchi di morire un pochino tutti i giorni. Abbiamo deciso di morire una volta sola, le chiediamo che la nostra pena dell’ergastolo sia tramutata in pena di morte».

Nel 2013 la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha definito l’istituto dell’ergastolo un trattamento degradante e lesivo della dignità di uomo, e per questo una violazione dell’articolo 3 della Convenzione europea sui diritti umani (divieto di trattamenti degradanti e inumani). È inoltre notizia di pochi giorni fa che per le stesse ragioni la Corte ha condannato l’istituto dell’ergastolo ostativo, sentenza che obbligherà l’Italia a rivedere le proprie leggi sul carcere a vita.

L’ergastolo è utile a qualcuno?

Resta un ultimo argomento da affrontare, è forse la ragione principale per la quale l’ergastolo viene introdotto negli ordinamenti e difeso da una parte dell’opinione pubblica: l’assunto che la minaccia di pene severe possa servire da deterrente dal compiere reati. Questa è la motivazione spesso invocata anche in difesa della pena capitale. Una concezione della pena di questo tipo viene definita “preventiva”: scopo principale della pena è dissuadere i cittadini dal trasgredire la legge.

La validità di questo assunto è però tutta da dimostrare. Già nel XVIII sec. autori come Montesquieu e Beccaria avevano sostenuto che la funzione preventiva della pena non trovasse conferma nella realtà:

«l’esperienza ha fatto osservare che nei paesi in cui le pene sono miti, lo spirito del cittadino ne è impressionato come altrove lo è delle pene gravi» (Montesquieu, Lo spirito delle leggi, 1748).

Gli studi sulla deterrenza della pena compiuti negli ultimi cinquant’anni confermano le intuizioni di Montesquieu e di Beccaria: è la certezza della pena, e non la sua severità, a funzionare da deterrente. Daniel S. Naginautore di molti lavori in materia, rileva  addirittura che «l’effetto deterrente dell’aumento di una condanna già lunga sembra essere piccolo, forse zero». Se il nostro fine, quindi, è dissuadere i cittadini dal commettere reati, il carcere a vita, come la pena di morte, non serve.

“Buttare via le chiavi!” dunque? A quanto pare, è lesivo dei diritti della persona, incostituzionale e pure inutile.

[Filosoficamente propone laboratori filosofici per giovani e adulti. Se interessati o per maggiori informazioni scrivete a info@filosoficamente.com ]

filosofia pubblica

Ai lavori forzati! Buttate via la chiave! Teorie della pena e luoghi comuni 1/2

Dopo un fatto di cronaca nera particolarmente efferato o un crimine che colpisce la sensibilità pubblica, si levano voci di protesta, che a volte trovano espressione in frasi fatte, luoghi comuni che servono a dare sfogo alla rabbia e al bisogno di vendetta del momento, più che ad esprimere una ragionata teoria della giustizia. Proviamo però a prenderle sul serio e a capire che concezione della pena nascondono; vediamo in che misura possono trovare spazio nel nostro ordinamento giuridico e le ragioni per le quali  eventualmente non lo trovano.

Lo faremo in più post.

“Ai lavori forzati!” Pena e punizione

Quando qualcuno augura ad un criminale i lavori forzati probabilmente lo fa pensando al lavoro come ad una punizione, faticosa e duratura, un modo per espiare con dolore le proprie colpe. Un qualcosa di simile all’immagine del galeotto con la tuta a strisce e la palla al piede, costretto a mansioni estenuanti – questa del resto era la realtà prevista dal legislatore del codice sabaudo del 1859: «I condannati ai lavori forzati sono sottoposti alle opere più faticose, a profitto dello Stato, con le catene ai piedi» (art. 16).

Ma quale idea di pena, e di giustizia, sta dietro l’idea dei lavori forzati?

La pena, in questi casi, è concepita essenzialmente come restituzione del danno: tu hai creato un danno a me (società), e io ti punisco arrecandoti un danno proporzionato. In teoria della pena si chiama concezione “retributiva”, nota anche come legge del taglione, quella del “occhio per occhio, dente per dente”. È fra le concezioni di pena più antiche, la si trova nel codice di Hammurabi (1792 -1750 a.C.), nella Bibbia, e nel diritto romano.

Tra le critiche a questa concezione della pena vi sono ragioni di ordine etico e ragioni di ordine pratico o di utilità sociale. Nel primo caso, si obbietta che la pena come retribuzione non sia altro che una forma di vendetta, seppur legale, ma non è affatto scontato che debba essere questa la funzione della giustizia. Nel secondo caso, si fa notare che ricambiare un criminale con la sua stessa moneta, per quanto possa appagare il desiderio di vendetta di qualcuno, non è di alcuna utilità per la società; rischia anzi di essere controproducente se i cittadini sentono di subire pene ingiuste. Anche l’argomento che pene severe servono da deterrente alla criminalità è stato confutato dai dati (ma su questo torneremo nel prossimo post).

Per queste e altre ragioni, la concezione della pena come retribuzione non è quella assunta dalla nostra Costituzione.

lavori forzati

La pena come rieducazione del reo

La legge italiana sposa una concezione della pena come rieducazione del detenuto: il vero fine della pena non è punire il reo, né vendicare le vittime, ma rieducare chi ha commesso reati al fine di poterlo reinserire in società.

I riferimenti giuridici principali sono l’articolo 27 della Costituzione, «Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato»,  e l’articolo 1 dell’Ordinamento penitenziario, «nei confronti dei condannati deve essere attuato un trattamento rieducativo che tenda (…) al reinserimento sociale degli stessi» (corsivo mio).

È proprio in ragione della funzione rieducativa della pena che il lavoro in carcere può giocare un ruolo fondamentale, non più come strumento afflittivo – il lavoro “forzato” è soppresso in Italia dal 1866 – ma come mezzo di formazione morale e professionale in vista del reinserimento in società.

Il lavoro in carcere: un’opportunità per tutti

Il tasso di recidiva (la percentuale di detenuti che una volta in libertà commettono nuovamente reati) in Italia è altissimo, intorno al 70 per cento – con buona pace della funzione rieducativa della pena, del tutto disattesa, e con un enorme costo per la società.

Ebbene, proprio il lavoro è il migliore strumento per combattere la recidiva.

Secondo i dati emersi in un’inchiesta di Andrea Malagutti per La Stampa, laddove il lavoro dietro le sbarre è presente, e lo è in maniera qualificante, formando competenze e professionalità poi spendibili nella società, il tasso di recidiva si abbatte notevolmente, sino a scendere attorno al 2-3%.

Purtroppo, nonostante i buoni propositi, sono pochissimi i detenuti che possono fare esperienze lavorative alle dipendenze di cooperative o soggetti privati: il rapporto Antigone di metà anno 2019 uscito i giorni scorsi registra appena l’1.8% del totale. La percentuale si alza al 24,4% dei detenuti che lavora per l’Amministrazione Penitenziaria facendo funzionare biblioteche, mense, cucine, laboratori, e tanto altro.

La situazione è desolante, e non è solo una questione di diritti mancati, ma una perdita per tutti. Ogni punto di recidiva abbattuto significa diminuzione dei reati e un risparmio per lo Stato di diversi milioni di euro (tra i 30 e i 50 a seconda delle stime).

Lavorare è una risorsa morale, dà dignità e significato alla vita dei detenuti, offrendo anche una prospettiva praticabile e concreta per il dopo pena: una “punizione”, insomma, se così ci ostiniamo a volerla vedere, che molti carcerati si infliggerebbero volentieri.

 

[Filosoficamente propone laboratori filosofici per giovani e adulti. Se interessati o per maggiori informazioni scrivete a info@filosoficamente.com ]

Fil(m)osofia

Blade Runner (1982): “E’ tempo di morire” (in memoria di Rutger Hauer)

Regia di Ridley Scott, con Harrison Ford e Rutger Hauer (da poco scomparso). Blade Runner, tratto dal romanzo Philip K. Dick, “Do Androids Dream of Electric Sheep?” (trad. Il cacciatore di androidi) del 1968, è un film cult degli anni ’80 che invecchia particolarmente bene, o non invecchia affatto.

La pellicola è un capolavoro del cinema, alcune delle sue scene e dei suoi dialoghi sono entrati nell’immaginario collettivo. Ambientato in un futuro distopico, dove l’ingegneria genetica è riuscita a realizzare replicanti (robot) del tutto simili agli umani, da utilizzare a proprio piacere, come forza lavoro o oggetto sessuale.

Tantissime le tematiche filosofiche toccate, che ruotano attorno ai problemi posti dall’intelligenza artificiale: possono le macchine pensare? Hanno coscienza di sé? Possono soffrire? Dovrebbero avere dei diritti?

Soprattutto, però, è l’uomo – e non la macchina – al centro degli interrogativi posti dal film: sono gli stessi esseri umani che nel confronto/scontro con gli androidi tentano di definirsi e affermarsi nella propria specificità. Centrale la scena in cui il cacciatore di replicanti Rick Deckard (Harrison Ford), sottopone Rachel al test di “Voight-Kampff”, liberamente ispirato al test di Turing, ideato dal matematico Alan Turing nel 1950 per poter distinguere una macchina da un essere umano.

Il tema dell’”altro”, insomma, come specchio per ritrovarsi e ri-conoscersi.

Buona visione!

blade runner1

didattica della filosofia, filosofia pubblica

Sui limiti della nostra ragione: perché è impossibile evitare del tutto i bias cognitivi ed è tuttavia importante conoscerli

I bias cognitivi dovrebbero essere noti a tutti, nella vita professionale e non, e andrebbero studiati anche a scuola.

Che la nostra ragione sia limitata è verità nota da sempre ai filosofi. Più recentemente è  la ricerca psicologica che ha affiancato quella epistemologica nell’indagine dei limiti o ostacoli al nostro ragionamento. Questi sono noti con il termine di “bias”, che significa “deviazione dalla norma” o “inclinazione soggettiva”, non giustificata.

Tutti noi, indipendentemente dalla nostra intelligenza, cultura e formazione siamo soggetti a bias cognitvi, e questi errori di giudizio condizionano fortemente le nostre credenze in tutti gli ambiti della nostra vita: dalle scelte lavorative, alle idee politiche, sino anche agli acquisti e a come investiremo i nostri soldi (come sanno bene psicologi, formatori, economisti ed esperti di marketing, che ai bias cognitivi prestano attenzione da tempo). Specifiche tipologie di bias sono inoltre particolarmente rilevanti nelle dinamiche di informazione e nelle interazioni sui social, e minano di fatto l’esercizio dell’autonomia di pensiero degli utenti inavvertiti.

bias cognitivi

Per tutte queste ragioni, da più parti si riconosce la necessità di rendere tutti i cittadini, giovani e adulti, professionisti e non, consapevoli di questi meccanismi. È, ad esempio, notizia di questi giorni che il governo inglese introdurrà a scuola corsi su bias cognitivi e fake-news (Independent). Noi lo facciamo già da tempo (vedi il nostro laboratorio su Post-verità e fake-news).

Capire cosa sono i bias cognitivi, come funzionano e a quali siamo individualmente più soggetti ci aiuta a comprendere le nostre scelte e la formazione delle nostre credenze; soprattutto ci dovrebbe aiutare ad esercitare auto-critica rispetto ad esse.

Ogni individuo dovrebbe imparare a riconoscere quando un ragionamento proprio o altrui è viziato da pregiudizi ed errori di giudizio, e dovrebbe divenire consapevole di quali bias o stereotipi è inconsciamente preda. Gli psicologi hanno elaborato tecniche o strategie per allenarci a neutralizzare questi ostacoli del nostro giudizio (debiasing).

Non è però tutto così semplice: purtroppo non basta studiare i bias cognitivi per evitare di caderne vittima.

Come mai? Tutta colpa, guarda caso, di un particolare bias cognitivo.

Si tratta del bias del punto cieco o blind spot bias, che fra i molti individuati (in letteratura se ne conta un centinaio) è particolarmente interessante e insidioso. È una sorta di meta-bias che ci rende impermeabili alla critica e al processo di “debiasing” o superamento degli errori: consiste nella riluttanza a riconoscere che il nostro giudizio è soggetto a bias ed errori, mentre si è perfettamente in grado di riconoscerli nel pensiero altrui.

Blindspot bias

Samuel McNerney, in un articolo per Scientific American, lo ha spiegato in questi termini: è come acquistare un libro sugli errori del pensiero e convincerci che grazie ad esso noi ne diventeremo immuni. Non ci rendiamo conto però che saper elencare i principali errori di giudizio o saperli riconoscere negli altri è ben altra cosa dal saperli evitare noi stessi: «I bias sono in gran parte inconsci, quindi quando riflettiamo sul pensiero perdiamo inevitabilmente i processi che danno origine ai nostri errori». Non è possibile gettare il lume della ragione sull’intero processo di formazione del nostro giudizio, resterà sempre una zona d’ombra, un punto cieco, sul quale non abbiamo controllo, ed è lì dove inevitabilmente agiscono tutti gli altri bias.

In altre parole, il pensiero intuitivo e inconscio non è raggirabile, lo usiamo per gran parte delle nostre operazioni mentali, e per lo più con grande successo, ma questo fa sì che tal volta commettiamo errori di giudizio, e lo facciamo del tutto inconsapevolmente e nella convinzione che le nostre credenze siano più che giustificate e razionali.

Ma quindi, studiare i bias cognitivi e i più comuni errori del ragionamento è inutile?

In realtà prendere consapevolezza dei limiti della nostra ragione è fondamentale per usarla al meglio. Le varie tecniche di debiasing non garantiranno una vittoria assoluta e definitiva contro i nostri pregiudizi, ma ci aiutano a diminuirne l’impatto. Soprattutto, però, prendere coscienza di questi processi ci aiuta a divenire più consapevoli del nostro giudizio e dei suoi limiti, e ad agire di conseguenza.

Daniel Kahneman, che per le sue ricerche sui processi decisionali e dei relativi errori ha vinto il premio Nobel per l’economia nel 2012, scrive in conclusione al suo libro Pensieri lenti e veloci:

«Che cosa si può fare per combattere i bias? Come possiamo migliorare i giudizi e le decisioni, sia nostri sia delle istituzioni che serviamo e ci servono? La risposta, in breve, è che si può fare molto poco senza un grande investimento di energie». Lui stesso, che ha dedicato la vita allo studio dei bias cognitivi, ammette di aver fatto più progressi nel riconoscimento degli errori altrui che propri, e che il suo pensiero intuitivo, irriflesso, è probabilmente soggetto agli stessi errori di sempre.

Ora però li sa riconoscere! Quello che ha imparato e che tutti noi possiamo (e dobbiamo)  fare per limitare pregiudizi e distorsioni è, ogniqualvolta stiamo prendendo una decisione importante o prima di esprimere un’opinione frettolosa a proposito di qualcosa e qualcuno, ricordarci di fermarci un attimo e riflettere: far mettere al vaglio le nostre intuizioni irriflesse dal nostro pensiero razionale, lento e conscio.

conosci i tuoi bias

Viene in mente il principio socratico di sapere di non sapere: può non sembrare una gran cosa sapere che il nostro giudizio è in parte inevitabilmente fallace, ma volete mettere il non saperlo?

[Filosoficamente propone incontri di formazione e laboratori sui bias cognitivi per giovani e adulti. Se interessati o per maggiori informazioni scrivete a info@filosoficamente.com ]

didattica della filosofia, metafilosofia

La filosofia serve: insegnare etica può modificare i comportamenti degli studenti

Buone notizie per i filosofi: un recente studio dimostra che insegnare etica può influire sulle scelte delle persone. Lo studio (Ethics Classes Can Influence Student Behavior: Students Purchase Less Meat after Discussing Arguments for Vegetarianism) è stato condotto da Eric Schwitzgebel, Bradford Cokelet, e Peter Singer e verrà presentato in questi giorni al meeting 2019 della Society for Philosophy and Psychology.

L’indagine ha monitorato i comportamenti di un gruppo di studenti dopo che avevano partecipato ad un corso di etica. Il tema era quello dell’etica del vegetarianismo. A questi studenti è stato fatto leggere un saggio che difendeva il vegetarianismo da un punto di vista etico (James Rachels, The basic argument for vegetarianism, in Steve F. Sapontzis, Food for Thought: The Debate over Eating Meat, 2004), hanno quindi preso parte ad un gruppo di discussione sul tema e visto un video (opzionale). Ad un altro gruppo di studenti (gruppo di controllo) è stato regalato materiale simile da consultare.

Dopo qualche giorno, è stato chiesto a tutti gli studenti coinvolti, più di mille, di compilare un questionario, in cui si chiedeva di esprimere il loro accordo o disaccordo con l’affermazione “mangiare carne di animali da allevamento non è etico”. Il 46% degli studenti che avevano partecipato al corso concordavano con l’affermazione, contro il 29% degli studenti del gruppo di controllo.

Eating meat1

I ricercatori hanno quindi monitorato le scelte alimentari degli studenti tramite la loro tessera della mensa. Il risultato sorprendente è stato che gli studenti del gruppo di etica hanno cambiato le loro abitudini alimentari. Se il 52% del gruppo di controllo ha consumato carne sia prima sia dopo l’esperimento, la percentuale di studenti che consuma carne nel gruppo di etica è passata dal 52% al 45% dopo aver frequentato il corso.

Eating meat2

I dati emersi ci offrono l’importante consolazione che, dopo tutto, accanto ad emozioni, istinto e bias cognitivi, anche il pensiero razionale svolge un ruolo decisivo nel determinare le nostre azioni. Come ha spiegato Cokelet in questa intervista: “Molti psicologi hanno prodotto risultati dicendo che la maggior parte di noi – il più delle volte – prende le nostre decisioni basandosi sull’emozione o sull’istinto. Poi, dopo il fatto, razionalizziamo la nostra azione. Quindi la ragione non è al posto di guida. Questa è la prova che la ragione può essere al posto di guida per alcune persone”.

D-EthicsGraphic

L’autore non si illude: nonostante i risultati incoraggianti di questa ricerca, non tutte le nostre decisioni sono governate dalla ragione, “ma ci sono alcune tematiche rispetto alle quali il comportamento può cambiare se le persone sono esposte ad argomenti e incoraggiate a prendere una decisione in modo critico su problema.”