Evento, filosofia pubblica

Pillole di felicità – gruppo di lettura a distanza

In un momento in cui le nostre routine sono stravolte e le priorità stanno cambiando, proponiamo brevi incontri, virtualissimi, in cui trovarci a ragionare assieme.

Saranno pillole di sollecitazioni filosofiche. E siccome se ne sente il bisogno, partiamo da ciò che più ci sembra lontano in questo momento: la felicità.

Ecco a voi, le “Pillole di felicità: far filosofia ai tempi del covid-19“.

Un’occasione di approfondimento o, perché no, di distrazione, un momento per riflettere insieme su che cosa sia la felicità.

Libero accesso, su prenotazione.

Gruppo di lettura_ pillole di felicità

Evento

LABORATORIO FILOSOFICO: VERITÀ, POSTVERITÀ, PIÙ VERITÀ?

19 dicembre 2018 _ Istituto Orsoline di San Carlo (MI) 

Appuntamento all’Istituto Orsoline di San Carlo (MI). Con i ragazzi di terza e di quarta liceo discuteremo di Post-Truth (che cosa significa ‘post-verità’? Il nostro tempo può essere definito l’epoca della postverità? per quali ragioni? ecc.).

Parleremo quindi di Fake-News: esamineremo alcuni casi celebri, più e meno recenti, di notizie false, e ragioneremo sulle caratteristiche e le cause di un fenomeno oggi in espansione.

Con i ragazzi di quinta porremo invece a confronto due paradigmi differenti di verità: le teorie corrispondentistiche della verità e le teorie epistemiche. Esamineremo e discuteremo le ragioni di chi sostiene una teoria epistemica della verità, e quelle di chi per contro sostiene una concezione della verità come corrispondenza.

Post-truth meme

Evento

LABORATORIO FILOSOFICO: L’uomo è buono o cattivo per natura? Elementi di psicologia dell’agire morale.

13 Dicembre 2018 – Fondazione Manziana Crema

Ultimo incontro con i ragazzi del Liceo Scientifico Fondazione Manziana di Crema (Fondazione “Carlo Manziana”). Il laboratorio sull’etica si è concluso ragionando sulla nostra concezione di uomo: l’uomo è per natura buono o cattivo? O, invece, le caratterizzazioni morali sono il prodotto della cultura, educazione, esperienza del singolo?
Per riflettere su questa questione si è letto e commentato il mito dell’anello di Gige (Platone, Repubblica, II, 359c-360d).

Si è guardato quindi alla nostra Costituzione, dove la visione ottimistica dell’uomo votato al bene espressa da Socrate e quella pessimistica dell’uomo votato all’utile personale difesa da Glaucone sembra trovare un possibile compromesso nella riconosciuta necessità di porre dei limiti alla libertà dell’uomo: “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione” (comma 2, art.1). Come Ulisse che liberamente si mette in catene per non cadere preda del canto tentatore delle sirene, così il popolo italiano si lega alla Costituzione.

Si sono poi esaminati alcuni aspetti psicologici che caratterizzano l’agire morale dell’uomo: in particolare, l’influenza di affetti e sentimenti sulla nostra decisione morale e il peso dell’autorità (esperimento Milgram).

Si è concluso l’incontro chiedendoci se l’influenza riconosciuta di questi ed altri fattori psicologici sul nostro agire possa legittimare (in tutto o in parte) o meno il nostro comportamento morale.

Ulisse e le sirene

Evento

LABORATORIO FILOSOFICO: Quando la morale si oppone al diritto.

6 dicembre 2018 _ Fondazione Manziana Crema

Con i ragazzi del Liceo scientifico della Fondazione Manziana di Crema (Fondazione “Carlo Manziana”) abbiamo trattato dello scontro tra morale e diritto.

Siamo partiti dall’Antigone sofoclea per poi rievocare alcuni casi di ‘disobbedienza civile’ nella storia più recente. Il concetto stesso di disobbedienza civile è stato esaminato e distinto da quello di ‘obiezione di coscienza’.

Si sono discusse le ragioni di Antigone e quelle di Creonte chiedendoci se fosse giusto riconoscere il diritto a disobbedire a leggi ingiuste o meno.

Infine, si è presa in esame la posizione di coloro che con la tesi “ho solo obbedito agli ordini” hanno provato a difendersi dall’accusa di aver commesso atti criminali e moralmente riprovevoli, discutendo il celebre caso dell’ufficiale nazista Eichmann.

Morale vs diritto

Evento

LABORATORIO FILOSOFICO: La verità e i suoi nemici. Gli argomenti di scetticismo e relativismo e possibili risposte

4 dicembre 2019 _ Liceo Scentifico A. Calini di Brescia

Ultimo incontro del laboratorio filosofico sulla verità con i ragazzi del Liceo scientifico A. Calini (Liceo Scientifico Annibale Calini) di Brescia. Argomento del giorno è le sfide poste da scetticismo e relativismo alla questione della verità.

Ricostruiremo le differenze tra scetticismo antico e moderno, per poi esaminare tre dei principali argomenti scettici:

1) L’illusorietà delle percezioni sensibili;
2) La difficoltà nel distinguere tra sogno e veglia (il maestro Chuang-tzu e Cartesio);
3) La possibilità che vi sia un genio maligno che ci inganni (Cartesio) o che vi sia un super computer che stimoli i nostri cervelli creando percezioni artificiali (Putnam).

Guarderemo quindi ad alcune possibili repliche a questi argomenti scettici, elaborate rispettivamente da Cartesio, Putnam e Austin.

Nella seconda metà del laboratorio affronteremo la questione del relativismo e dei suoi diversi modi:

1) Relativismo epistemico;
2) Relativismo morale;
3) Relativismo culturale.

Concluderemo i lavori chiedendoci se lo scetticismo sia una posizione teoricamente inconfutabile ma imbarazzante (Diego Marconi) e se difendere valori quali la tolleranza e il pluralismo ci obblighi a sposare una posizione relativistica a proposito delle verità morali.

skepticism is a virtue