Evento

LABORATORIO FILOSOFICO: VERITÀ, POSTVERITÀ, PIÙ VERITÀ?

23 ottobre 2018 _ Liceo Scientifico A. Calini di Brescia

Con i ragazzi del Calini (BS) si è discusso di Post-Truth (che cos’è e se la nostra epoca può essere definita l’epoca della postverità) e di Fake-News: abbiamo esaminato alcuni casi celebri, più e meno recenti, di notizie false, e ragionato sulle cause di un fenomeno in espansione.

Dopo aver riflettuto su alcune delle ragioni per le quali le notizie false hanno così facile presa su tutti noi, ci si è chiesto se smentire le bufale fosse inutile o meno e abbiamo commentato una citazione di Francesco Bacone:

«L’intelletto umano, una volta soddisfatto di una determinata concezione (o perché ricevuta e creduta o perché da essa soddisfatto), cerca di portare tutto il resto a suffragarla e ad accordarsi con essa. Anche se la forza e il numero delle istanze contrarie è maggiore, non ne fa conto o le sdegna o le rimuove e le respinge a forza di distinzioni, non senza grave e pericoloso pregiudizio, pur di mantenere inviolata l’autorità delle sue prime concezioni» (F. Bacone, La grande instaurazione, 1620, Aforisma XLVI).

Si è concluso il laboratorio con un esercizio di ‘debate’, chiedendo ai ragazzi di argomentare (e poi ribattere agli avversari) a favore e contro l’affermazione “è giusto regolamentare l’informazione per porre un freno alla diffusione delle Fake-News?”.

Post-truth meme

Evento

LABORATORIO FILOSOFICO: FAKE-NEWS E POST-VERITA’

23 ottobre – 4 dicembre 2018 _ Liceo Scientifico A. Calini di Brescia

La questione:
In un’epoca in cui il fenomeno delle ‘fake news’ irrompe nelle dinamiche dell’informazione e gli addetti stampa dell’amministrazione Trump invocano la licenza di parlare di “fatti alternativi”, la questione della verità si impone all’attenzione del dibattito pubblico. Ci si interroga sulla possibilità stessa di distinguere tra vero e falso, tra universale e relativo, tra fatto e opinione. A questo riguardo, il lavoro filosofico si mostra più che mai prezioso per comprendere i diversi elementi in gioco quando si parla di ‘verità’ ed individuare i suoi possibili nemici.

Programma:
Martedì 23 ottobre 2018_ ll dibattito all’epoca della Post-Truth
“Fatti alternativi” e “Post-Truth”: la crisi di un paradigma di verità.
“Fake news”: verità o libertà? È giusto intervenire?

Martedì 6 novembre 2018 _ Paradigmi della verità a confronto
Fatti o interpretazioni?
Teorie corrispondentistiche vs. teorie epistemiche della verità.

Martedì 27 novembre 2018 _ La verità si fa social. Epistemologia sociale e politica della verità
Il numero fa la forza, fa anche la verità? La dimensione sociale della conoscenza e il suo rapporto con la verità.

Martedì 4 dicembre 2018 _ I nemici della verità: la sfida dello scetticismo e del relativismo
Dal sogno di Cartesio ai cervelli in una vasca di Putnam: le sfide dello scettico e le possibili risposte.
I diversi modi del relativismo: culturale, epistemico, o morale?

 

Artemia-Group-David-Gil-Un-Manifesto-per-La-Verità-G2-1024x575

(Immagine di Artemia Group, Un poster per la verità)

Fil(m)osofia

Rashomon, di Akira Kurosawa (1950)

Vincitore del Leone d’oro a Venezia (1951) e del Premio Oscar come miglior film straniero (1952).

I quattro testimoni di un omicidio descrivono i fatti in modo diverso tra loro. Ma chi di loro ha ragione? Chi sta mentendo e chi invece dice la verità? C’è una ‘verità’ uguale per tutti o questa è destinata a rimanere inaccessibile, nascosta tra le pieghe delle diverse interpretazioni e distorsioni della realtà?

Il film ha dato il nome al fenomeno noto come ‘effetto Rashomon’, con il quale ci si riferisce alla dimensione soggettiva della percezione ed interpretazione della realtà per cui gli osservatori di un evento possono produrre versioni diverse di esso.

Il film può fornire materiale di discussione e riflessione per un approfondimento didattico sul tema della verità. Tra le tematiche che si possono affrontare vi sono quella della distinzione tra verità e credenza (o opinione), la distinzione tra teorie epistemiche e corrispondentistiche della verità, l’effetto top-down di pregiudizi, preconcetti, emozioni ecc. sulla nostra percezione del reale e tante altre.

Rashomon